homebiomuralescarnevalecreazionigridaspubblicazioniimg


indietro 
I Tessitori di tappeti

I Tessitori di tappeti

Questa č una delle tante poesie che Felice amava, ma che a differenza di altre, non citava spesso.
Essersela ritrovata sulle labbra nel momento in cui ci congedava da lui ce ne fa scoprire il valore di vero e proprio testamento. Il suo.



I Tessitori di tappeti di Kujįn-Bulįk commemorano Lenin
(Die Teppichweber von Kujan-Bulak ehren Lenin)


Molte volte č stato commemorato, e senza risparmio,
il compagno Lenin. Busti ci sono e statue.
Cittą ci sono, che portano il suo nome, e bambini;
discorsi si pronunciano, in tante lingue diverse;
assemblee si radunano e dimostrazioni
da Shanghai a Chicago, in onore di Lenin.
Ma cosģ lo commemorarono i
Tessitori di tappeti di Kujįn-Bulįk,
piccola localitą del Turkestan meridionale.

Venti tessitori si levano a sera laggił,
tremando di febbre, dal povero telaio.
C'č in giro la malaria; la stazione
Č tutta un ronzio di zanzare, una nuvola fitta,
che vien su dallo stagno dietro il vecchio cimitero dei cammelli.
Ma la ferrovia, che ogni due settimane porta acqua e fumo,
porta
un giorno anche la notizia
che č prossimo il giorno di commemorare Lenin,
e decidono, quelli di Kujįn-Bulįk,
tessitori, povera gente,
che al compagno Lenin anche in quella localitą
sia eretto un busto di gesso.
Ma quando si van raccogliendo, per il busto, i denari,
eccoli tutti,
scossi dalla febbre, che versano
quei loro sudati copechi con mani tremanti,
e Stepa Gamalev, soldato dell'Esercito Rosso, che
tiene accuratamente i conti e oculato controlla,
vede quant'č lo zelo di onorare Lenin, ne č lieto.
Ma vede anche le mani malcerte.
E tutt'a un tratto propone
di comprar con quei soldi, invece del busto, petrolio e
quello sullo stagno versare dietro il cimitero dei cammelli,
da dove vengono le zanzare che dąnno la febbre.
Dunque cosģ per vincere la febbre a Kujįn-Bulįk e proprio
in onore di lui, che č morto ma che
mai deve essere dimenticato, il
compagno Lenin,
fu deciso. Il giorno della commemorazione portarono
le loro secchie ammaccate, piene di nero petrolio,
uno dietro l'altro
ed il petrolio sparsero sullo stagno.

Cosģ furono utili a sé, onorando Lenin, e
lo onorarono essendo utili a sé, ed avendolo
dunque compreso.

Abbiamo udito come la gente di Kujįn-Bulįk
onorņ Lenin. Ma a sera,
acquistato il petrolio e versato che fu nello stagno,
nell'assemblea un uomo si levņ e chiese
che si mettesse una scritta alla stazione
con il rapporto dell'accaduto, dove ci fosse
anche, con esattezza, il mutamento del progetto e come
il busto di Lenin era stato sostituito
con la tonnellata di petrolio distruttore della febbre.
E tutto questo in onore di Lenin.
E fecero anche questo
e misero la scritta.

Bertolt Brecht, 1927.


immaginetorna su

bio

Felice, un uomo libero
line
I Tessitori di tappeti
line
Testimonianze
line
FELImetrņ
line



diffondi il film 'Scampia Felix' su Produzioni dal basso

il gridas non si tocca
immagine

r3 indietro stampa  

felicepignataro.org - 2005 | espańol | home | bio | murales | carnevale | creazioni | gridas | pubblicazioni | links | contatti | note