homebiomuralescarnevalecreazionigridaspubblicazioniimg


indietro 
2006: Odissea dello spazio - Piazze blindate/Piazze sognate

2006: Odissea dello spazio - Piazze blindate/Piazze sognate

26 gennaio 2006 - ore 18:00:
Riunione preparatoria del carnevale al Centro Sociale.

Dal 30 gennaio 2006:
Laboratorio quotidiano al Centro Sociale per il carnevale.

26 febbraio 2006:
Corteo di Carnevale “2006: ODISSEA DELLO SPAZIO - Piazze blindate/Piazze sognate”.

Bando Carnevale 2006 - pdf

Racconto di Salvatore Tofano ispirato a San Ghetto martire.



Testo illustrativo
line



COMUNICATO STAMPA:

24° Corteo di Carnevale del GRIDAS a Scampìa


Come negli anni passati il GRIDAS (gruppo risveglio dal sonno) ha organizzato il carnevale di quartiere a Scampìa, sul tema, quest’anno: “2006: ODISSEA DELLO SPAZIO – Piazze blindate/Piazze sognate”, con allusione agli spazi negati, agli spazi di aggregazione che mancano, agli spazi inaccessibili a chi dovrebbe usufruirne, spazi fisici ma anche luoghi mentali, ideologie, spazi chiusi. Spazi e piazze, piazze blindate (contro chi manifesta, vedi TAV e simili, ma anche fantomatiche piazze telematiche, ecc), piazze sognate che si vorrebbero progettare insieme (la “piazza dei giovani” auspicata dal Coordinamento Piazziamoci di Scampìa), ma anche qualsiasi spazio aperto a misura d’uomo, spazi vitali da mantenere tali. La “guerra degli spazi” è una vera odissea, l’eterna “battaglia” tra grandi opere faraoniche e “piccoli” spazi autogestiti, il pubblico contro il privato, e chi più ne ha più ne metta…
Il corteo mascherato partirà domenica 26 febbraio alle ore 10:00 dalla sede del GRIDAS, via Monte Rosa 90/b e si concluderà davanti al campo sportivo in costruzione in Via Fratelli Cervi con l’allegorico falò finale dei simboli negativi.
Sfileranno in corteo, per le strade di Scampìa, le “Piazze blindate”, tutte opere faraoniche, a Scampìa come nel resto d’Italia, accuratamente difese dai celerini; le “Piazze sognate”, quelle costruite insieme, quelle che rispondono alle esigenze reali dei cittadini; la “Macchina dell’Acqua” che vede contrapposte le opzioni pubblico/privato smascherando a chi serve la privatizzazione dell’acqua; l’ormai famoso San Ghetto Martire, il santo protettore delle Periferie, beatificato l’anno scorso in occasione del 1° maggio a Scampìa, con i suoi ex-voto: i “per grazia ricevuta” e i “per grazia da ricevere”; e ancora la Mongolfiera del gruppo “Chi rom e…chi no”, per vedere le cose da un’altra angolazione, che ha per zavorra le cose negative e vola solo quando queste ultime vengono eliminate, bruciate; gli spazi dell’immaginario con il cavallo della Ludoteca di Secondigliano, ….
Colonna sonora del corteo, anche per quest’anno, le parodie del Maestro Gianni Tarricone: alcune note canzoni opportunamente adattate al tema del carnevale.
Tutte le maschere sono state costruite durante circa un mese di laboratori svolti in collaborazione con le diverse realtà del quartiere che si sono, negli anni, aggregati: il circolo Legambiente “la Gru”, il gruppo “Chi rom e…chi no”, il Clan K2 del gruppo scout Napoli 14, alcune classi delle scuole del quartiere (V e X Circolo, scuola media “Virgilio IV”), la Ludoteca “Vulimme pazzia’” di Secondigliano, il Centro diurno “Gatta Blu”, i trampolieri del Progetto “Chance” modulo centro e zona orientale Barra - S. Giovanni a Teduccio - Ponticelli, …
Presente, anche quest’anno, una delegazione della scuola media “Michelangelo” di Bagnoli.

Napoli, 20 febbraio 2006.


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Qualche dettaglio in più sulle maschere che sfileranno in corteo al 24° Corteo di Carnevale del GRIDAS a Scampìa.

Il tema di quest'anno è «2006: ODISSEA DELLO SPAZIO - Piazze blindate/Piazze sognate», in riferimento agli spazi fisici e mentali, alle piazze negate e inaccessibili agli utenti, ma anche alla progettazione collettiva di piazze e spazi alla portata di tutti perché rispondenti alle reali esigenze dei cittadini.
Non a caso tra le "Piazze negate" figurano la fantomatica Piazza Telematica di Scampìa, fiore all'occhiello delle istituzioni ma mai al servizio dei cittadini; ma anche la TAV che lascia "appesi" i pendolari (sotto forma di sagome di cartone di studenti, operai, mamme con bambino,ecc...); il ponte sullo stretto che supporta un via vai di camion di denari ma non "sorregge" la Sicilia, che se ne cade a pezzi; le banche armate che mangiano i risparmi e finanziano le guerre; i rifiuti tossici e tutte le “soluzioni” calate dall’alto e imposte ai cittadini.
Le "piazze sognate", invece, fanno capolino tra fiori e colori della pace, e sono case con la porta aperta; spazi pubblici (teatro, cinema); spazi per la ricerca; il riciclaggio; Banca Etica che supporta il commercio equo e solidale, la pace, il microcredito; la mobilità sostenibile,
sotto forma di una bicicletta; le televisioni indipendenti come InsùTV; e tutte le soluzioni a misura d’uomo anziché di profitto.
Nel binomio pubblico/privato non poteva mancare la “macchina dell’acqua” sotto forma di un doppio rubinetto: da un lato l’acqua privatizzata, con le bottiglie di acque minerali delle multinazionali e solo una goccia di acqua per i cittadini, dall’altro l’acqua pubblica, limpida, con i pesci, disponibile per chi ne ha bisogno.
Non mancherà nemmeno San Ghetto Martire, il santo protettore delle periferie, che fece la sua prima uscita al 1° maggio a Scampìa (2005) e all’EuroMayDay napoletano, con i suoi ex- voto: i “per grazia ricevuta”, le grandi opere di facciata che abbiamo ricevuto a Scampìa, e i “per grazia da ricevere”, le opere alla portata dei cittadini, chieste o auspicate e ancora attese.
Ci sarà poi la mongolfiera del gruppo “Chi rom e…chi no” per scoprire altre prospettive e altri punti di vista. Una mongolfiera che ha per zavorra tutti i mali della società e che si alzerà in volo, metaforicamente, quando questi saranno eliminati.
Concluderà il corteo il consueto falò per bruciare allegoricamente i simboli negativi e far trionfare quelli positivi in un girotondo di pace e fratellanza realizzato da tutte le realtà, scuole, associazioni, che con il GRIDAS partecipano a questa manifestazione diventata ormai tradizione in un quartiere senza storia qual’è Scampìa.


Questo il percorso del corteo:

Il corteo partirà alle ore 10:00 dalla sede del GRIDAS, via Monte Rosa 90/b, proseguirà per via Monte Rosa, piazza Libertà, via Monte Rosa, via Monte S. Gabriele, via del Gran Sasso, via Monte Rosa, rione ISES, via Fratelli Cervi, via Bakù, via Ghisleri, viale della Resistenza, lotto P, ritorno per via Ghisleri, via Bakù, via Fratelli Cervi, falò dei simboli negativi nello spiazzo davanti al campo sportivo in costruzione e ritorno a via Monte Rosa 90/b. Durata prevista circa tre ore.


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


PARODIE DEL CARNEVALE 2006:

Di seguito le parodie del Maestro Gianni Tarricone per il corteo di Carnevale del 26 febbraio 2006, «2006: ODISSEA DELLO SPAZIO - Piazze blindate/Piazze sognate».


Testi e musiche: Gianni Tarricone. Arrangiamenti: Claudio Romano.

Sulla musica di «'A Pizza»:

'A PIAZZA

Scarica il brano in mp3


E tu vulive 'a Piazza, 'a Piazza, 'a Piazza,
cu ddoie panchine 'ncoppe
cu ddoie panchine 'ncoppe
E tu vulive 'a Piazza, 'a Piazza, 'a Piazza,
cu ddoie panchine 'ncoppe, 'a Piazza e niente cchiù.
(2 volte)

Dinto Scampia
Addo', se sape, nun ce stanno piazze,
io te 'ncuntraie 'na sera miez''a via,
fore 'o palazzo.
Stive parlanno
Certo perché costretto
Cu gli amici …..
Vicino a un cassonetto …..

Ma tu vulive 'a Piazza,
'a Piazza, 'a Piazza
comm'era anticamente
pe' se 'ncuntrà c''a gente
Ma tu vulive 'a Piazza,
'a Piazza, 'a Piazza
cu ddoie panchine 'ncoppe
‘a Piazza 'e niente cchiù.

'E pensiunate
pe' leggere 'o giurnale stanno all'erta
dinto Scampia nun ponno sta assettate
è 'nu deserto
e zi' Pascale
pe' leggere 'o giurnale
murmurianno
s'assetta 'into 'o pulmanno …..

Ma tu vulive 'a Piazza,
'a Piazza, 'a Piazza
nun dico cu 'a cantina
ma almeno ddoie panchine
Ma tu vulive 'a Piazza,
'a Piazza, 'a Piazza
cu ddoie panchine 'ncoppe
'a Piazza 'e niente cchiù.

E tu vulive 'a Piazza, 'a Piazza, 'a Piazza,
cu ddoie panchine 'ncoppe
cu ddoie panchine 'ncoppe
E tu vulive 'a Piazza, 'a Piazza, 'a Piazza,
cu ddoie panchine 'ncoppe, 'a Piazza e niente cchiù.
(2 volte)


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Sulla musica di «Simm' 'e Napule Paisa'»:

È 'O MUMENTO 'E V'ARRITIRÀ

Scarica il brano in mp3

Se vonno piglià 'o sole
Se vonno piglià 'o mare
A n'atu poco ancora
Pure l'aria aimma pavà
L'acqua privatizzata
Ce pare 'na strunzata
Truvatavenne n'ata
È 'o mumento 'e v'arritirà
(Due volte)

Bassolino, facennose 'e cunte,
(n'ata consulenza c'avimma pavà !)
dice: "a Napoli e provincia
l'acqua costa troppo poco,
ca se po' privatizzà !"
Cu Di Palma e Iervolino
Se consulta 'o Presidente
" lo - lo ve - vede anche un ba - bambino
chesta co - cosa sa - s'adda fa - fa' ! "
E chest'acqua ch'esce 'na schifezza
nuie cchiù d''a mmunnezza
l'avimme pavà

Se vonno piglià 'o sole
Se vonno piglià 'o mare
A n'atu poco ancora
Pure l'aria aimma pavà
L'acqua privatizzata
Ce pare 'na strunzata
Truvatavenne n'ata
È 'o mumento 'e v'arritirà

Berlusconi, facennose 'e cunte,
cu Bossi e Tremonti
s'accorgene ca …
'e riforme d''e penzione
Welfer e Devoluzione
nun le ponno cchiù abbastà!
"Si 'nce vonno ati denare,
'nce pigliammo 'o meridione"
e pe' cchesto e tre cumpare
che se mettono a penzà:
"Mò c'avimme fernuto 'o furmaggio
vennimmoce 'e spiaggie
e penzammo a campà ! "

Se vonno piglià 'o sole
Se vonno piglià 'o mare
A n'atu poco ancora
Pure l'aria aimma pavà
L'acqua privatizzata
Ce pare 'na strunzata
Truvatavenne n'ata
È 'o mumento 'e v'arritirà
(Due volte)


* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Canzone inventata dai bambini del X Circolo didattico di Scampìa nel 1996 nell’ambito del lavoro svolto per pensare insieme una piazza per incontrarsi a Scampìa.

Sulla musica di «Piazza Grande» di Lucio Dalla:

PIAZZA VUOTA:

Dormo sognando un’altra piazza intorno a me
fatta di luci e di colori
per ritrovarci e riscoprire quello che
ora non c’è.
Sono cresciuto con la voglia dentro me
di riscoprire un’altra piazza
senza briganti e prigionieri dentro sé
e intorno a me.

A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io
A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io.

Gente che passa per le strade non ce n’è
non c’è vetrine in Piazza Niente
soltanto i bimbi della scuola passan qua
così non va.
Bimbi che giocan con la palla non ce n’è
nei giardini in piazza vuota
soltanto case, scuole e strade sono qua
così non va.

A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io
quello che c’è vorrei cambiare io
quello che c’è vorrei cambiare io.
A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io.

E passeggiare con gli amici in libertà
è solo un sogno in questa piazza
passiam veloci e frettolosi per di qua
così non va.
Delle panchine vere e proprie non ce n’è
per chiacchierare in Piazza Niente
ma fiduciosi noi aspettiamo di cambiar
noi lo vogliam.

A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io
A modo mio
quello che c’è vorrei cambiare io…


immaginetorna su

carnevale

I carnevali del Gridas
line
Maschere e strutture: come farle
line
Testo 2° carnevale
line
Prossimo carnevale
line
San Ghetto Martire
line
Bibliografia
line
Gli insetti
line

gallery  Immagini



diffondi il film 'Scampia Felix' su Produzioni dal basso

il gridas non si tocca
immagine

r3 indietro stampa  

felicepignataro.org - 2005 | espaņol | home | bio | murales | carnevale | creazioni | gridas | pubblicazioni | links | contatti | note